I miei dischi del 2016
Scritto da verdeanita il marzo 4th, 2017 | Leave a comment

Questo blog è completamente abbandonato? Da quando è morto Bowie ho perso l’ispirazione? Oppure ho passato la primavera a fare gli ultimi tour e concerti, l’estate a scrivere la tesi a Dahlem Dorf e poi sono tornata in Italia e poi a Berlino e poi in Italia ancora e poi nei Balcani  (Ljubljana, Belgrado e Skopje) e quindi non avevo molto tempo ma se non posto almeno la classifica di fine anno è proprio la fine.

Quindi, come al solito, ecco i miei dischi del 2016. Da un paio di anni ho finalmente il tempo (e il dovere) di ascoltare molti più dischi, ma questa non è una classifica di qualità. Sono più gli album che mi hanno fatto da colonna sonora o che hanno significato qualcosa di particolare (poi ovvio che sono anche belli).

10 haleybonar

10. Haley Bonar –  Impossible Dream

La prima canzone su quest’album si chiama “Hometown” e tutte le volte che l’ho ascoltata ho pensato a Verona e anche se è estremamente malinconica e non perfettamente adatta al mio ritorno a casa più bello (a ottobre), dice delle cose che ho spesso sentito vicine. Tutto l’album l’ho trovato stupendo e ascoltato tantissimo.

Qui “Hometown” live a KEXP. Se guardate tutto il live, l’host è Kevin Cole, che è già la mia persona preferita del 2017, dopo averlo conosciuto a Ljubljana.

09 lucy dacus

9. Lucy Dacus – No Burden

Era febbraio quando ho scoperto Lucy Dacus. Me lo ricordo perché questo disco mi ha accompagnata per un paio di passeggiate a Schoneberg, che ancora mi era nuovo. E c’era freddo. Lei non era ancora su Matador. I misteri del booking non l’hanno ancora portata a Berlino, ma spero di vederla presto.

08 slow steve

8. Slow Steve – Adventures

Quando i gruppi si reinventano, c’è sempre un po’ di paura. C’è ancora più paura quando tali gruppi sono tuoi amici e magari si aspettano commenti da te e tu invece hai visto un paio di concerti disastrosi e sgangherati e temi per il peggio. In questo caso temevo per il peggio. Quindi poi quando il disco è uscito e l’ho consumato ho ammesso a Remì più volte “È bello sai, è veramente bello!”. Poi dal vivo è ancora meglio, tanto che una volta suonavano a supporto a non mi ricordo chi e dopo di loro sono scappata a casa perché non volevo vedere altro.

07 radio dept

7. The Radio Dept. -Running Out of Love

La mia playlist “Album 2016” mette questo disco direttamente sotto quello dei Repetitor, che è in serbo. La prima canzone su “Running out of love” si chiama “Sloboda Narodu” che è un titolo in serbo. Mi piaceva tantissimo vedere i due dischi vicini. Ritorno stupendo. Probabilmente è ora di cambiare e mettere qualche nuova canzone al posto di “Heaven’s on fire” quando metto i dischi.

06 motorama

6. Motorama – Dialogues

È capitato molto raramente che i ragazzi con cui mi frequentavo mi passassero gruppi di cui ignoravo totalmente l’esistenza e che finissero per piacermi. Anzi, probabilmente non era mai capitato. I Motorama sono quindi il primo gruppo che collego a scene romantiche, ad ascolti a distanza (dico io, mi prenderò mai una cotta per una persona che abita almeno nella stessa regione?). C’è un loro vinile che mi è stato regalato e che fortunatamente non ho schiacciato, mentre dormivo all’aeroporto di Parigi aspettando il mio volo. C’è un loro concerto a Padova a cui non sono andata per far finta che non ci pensavo più. E quindi dal vivo devo ancora vederli. Avevo detto “Mi piacciono, perché sono così cupi e malinconici, ma c’è sempre qualcosa di leggero nelle loro canzoni”. E sono anche molto derivativi, ma in un modo molto onesto e semplice.

05 his clancyness

5. His Clancyness – Isolation Culture

Conflitto d’interessi? Ho avuto una diatriba in ufficio sul fatto se sia lecito o meno inserire i dischi dei propri artisti nelle classifiche di fine anno (o di Paper and Iron in generale, e in questa classifica ce ne sono parecchi), ma alla fine questo è uno dei dischi che ho ascoltato di più, l’ho adorato dal momento in cui me l’hanno passato come link privato e ho continuato ad ascoltarlo per tutto l’anno. E sono molto contenta di averlo portato in giro per l’Europa, e nei primi mesi del 2017 anche i posti a me incredibilmente cari (come Belgrado).

04 kevin morby

4. Kevin Morby – Singing Saw

Ascoltavo questo disco sulla via per il laghetto di Krumme Lanke e mi rilassava tantissimo. Un’altra cosa che mi rilassava tantissimo era sentirlo cantare “i miei occhi si riempiranno di lacrime” in due canzoni, la prima con estrema calma, la seconda con gioiosa rassegnazione. I suoi concerti si sono matematicamente e specularmente sovrapposti a certe cose che mi sono capitate e lo so che sono solo coincindenze, ma a me le coincidenze piacciono molto.

03 jennyhval

3. Jenny Hval -Blood Bitch

Quante volte ho ascoltato questo disco? Quanto ho amato il fatto che parlasse (anche) di cose disgustose di cui non si parla mai? Amore, capitalismo, sangue. L’unico mio problema con Jenny Hval è che ancora non sono riuscita a vederla dal vivo e anche nel prossimo futuro non sembrano esserci possibilità, nonostante grazie al mio lavoro abbia un sacco di spoiler sui suoi spostamenti.

02 mitski

2. Mitski – Puberty 2

La prima volta che ho sentito Mitski ero in ufficio. Qualcuno aveva fatto partire “Your best american girl” e mi era piaciuta tantissimo. Poi un giorno ho deciso di ascoltare l’album intero e mi pareva che ogni canzone fosse meglio della precedente. Non ho fatto altro che pensare “Wow” per tutto il tempo.

BernaysPropaganda_Politika_CD 4_1

  1. Bernays Propaganda – Politika

Ogni volta che una band si reiventa, dicevo anche prima, c’è sempre un po’ di preoccupazione. Quando ho sentito che i Bernays Propaganda (che avevo visto a Belgrado nel 2012 in apertura ai The Ex) erano rimasti in tre e avevano sostituito il batterista con una drum machine non sapevo bene cosa aspettarmi. Ma in questo caso il cambiamento mi ha sopresa e in modo positivo.
Quando li ho visti la prima volta, ero rimasta spiazzata, perchè erano anche troppo potenti. Avevano una leader super carismatica, canzoni ballabilissimi ma piene di rieferimenti politici durissimi e testi in macedone: era un mix che poteva risultare troppo per molti (e per me lo era stato). Invece in “Politika” diventa tutto apparentemente più morbido, anche se è solo un’impressione iniziale, perché sotto la loro durezza rimane invariata.
Per me la scoperta dell’anno (infatti poi sono finita a Skopje come una vera fangirl per vederli suonare nella loro città, ma questa è un’altra storia).

Bonus: The Notwist, che hanno fatto un disco live che ho ascoltato forse troppo, La Femme, che hanno fatto un disco molto tamarro ma di cui avevo bisogno.

Canzoni: “Crvena” dei Repetitor, ha un testo bellissimo, e anche “Oroscopo” di Calcutta, che ho spesso ballato da sola in ufficio.
E qui la Top 3:
IMG_9798
Categories: blog | Tags: , , , , , , , |

Dieci dischi che mi ricorderanno il 2015
Scritto da verdeanita il dicembre 29th, 2015 | 2 comments

Per il 2015 mi ero comprata una bellissima agenda MUJI con due pagine per mese. Considerando che non ho impeghi specifici in determinati giorni, ma piuttosto to-do-list infinite e ramificate che posso depennare un po’ quando mi pare, due pagine sono perfette per avere un Überblick sulle cose da fare, ma soprattutto per tener conto delle cose fatte. Questo per dire che in questo 2015 ho tenuto conto di tutto quello che facevo in modo maniacale. So, ad esempio, che sono stata a teatro solo una volta e 10 volte al cinema (due volte a vedere lo stesso film, una volta a vedere due film uno dopo l’altro). So anche che ho letto 14 libri che non avevano nulla a che fare con l’università (anche se spero di finirne un altro paio di già cominciati prima della fine dell’anno) che ovviamente è pochissimo, ma è molto di più rispetto agli anni passati e, soprattutto, mi permette di regolarmi per migliorare il prossimo anno.

In compenso, sono stata a 91 concerti (tour compresi) e ho ascoltato, con quella che ritengo essere la giusta attenzione, 47 dischi. E a tutti questi dischi ho voluto mediamente abbastanza bene, il che rende ovviamente difficile sceglierne solo 10, ma lo faccio lo stesso perché è divertente e perché fossero queste le difficoltà della vita. Cominciamo!

01-vietcong (640x640)

1. Viet Cong – “Viet Cong”
E non solo perché è un bell’album, ma anche (e forse soprattutto) perché è quello che mia ha accompagnata di più durante questo 2015. Uno dei primi concerti che ho visto a Berlino quando sono ritornata (al West Germany: perfetto per loro). Il disco più ascoltato in tour con i VVhile (e anche quello più sentito nei locali che ci hanno ospitati) e anche un concerto che ha riempito un day off. Però, sì, hanno un nome cretino.

02.carseat (640x640)

2. Car Seat Headrest – “Teens of Style”
Posso mettere un album che ho scoperto appena un paio di settimane fa nella classifica di fine anno? E posso, soprattutto, metterlo così in alto? Considerando che nell’ultima settimana praticamente non ho ascoltato altro e che una cotta musicale così non mi capitava da… vabbè, non mi capitava forse dall’anno scorso, ma non è questo il punto. Oltre ad essere un bellissimo album lo-fi, un po’ cupo alla Joy Division, che per il resto ricorda Guided by Voice, Pavement e simili, c’è anche una bellissima storia dietro (mille dischi pubblicati su Bandcamp per poi approdare alla Matador), che mi fa ben sperare e mi sprona a cercare gemme nascoste e meravigliose nei meandri dell’internet.
Non vedo l’ora di vederlo dal vivo a Berlino a febbraio, portato dai coinquilini d’ufficio Puschen, e spero anche di avere la giornata libera per fargli la pizza. Will Toledo, sappi che hai trovato la tua nuova stalker.

02-tocotronic

3. Tocotronic – “Das rote Album”
Da qualche parte sull’internet c’è una mia recensione che dice, parlando di musica tedesca “A me questa lingua suona ancora stranissima, quando appoggiata ad una qualche melodia”.
Ebbene, quest’anno ho superato anche questa barriera musico-linguistica, e l’emblema di questo superamento è l’ultimo album dei Tocotronic, che ho ascoltato tantissimo e su cui canta anche la mia coinquilina. #namedroppinginutile
Ne ho parlato un pochino nel post “Limonare fino ad essere stanchi”.

07-aloainput (640x640)

4. Aloa Input – “Mars etc.”
Una piacevole conferma da quando li avevo scoperti una paio di anni fa, divenendo la loro più affezionata stalker (del tipo che sono andata al loro concerto di Dresda anche se li avevo visti il giorno prima a Berlino e quando ero in tour con i VVhile e suonavano a Mainz lo stesso giorno che c’ero anche io, ho fatto una comparsata al loro concerto per le prime tre canzoni).
Quest’album è ancora più variopinto del primo, le varie influenze, tra glitch, roba a la Anticon e psichedelia, sono ancora più definite e meglio amalgamate del precedente lavoro. E niente, gli voglio molto bene.

03-fenster (640x635)

5. Fenster – “Emocean”
Avendo partecipato alle riprese di Emocean e avendo percepito la follia che vi si celava dietro, ero al contempo curiosa e terrorizzata per l’uscita dell’album/film. L’abbiamo visto al Marie Antoniette e la prima reazione è stata “ODDIO MA È TOTALMENTE ASSURDO”. Lo è. Sta di fatto che quando l’album è uscito l’ho ascoltato di seguito per giorni interi. I Fenster hanno fatto un percorso stupendo nei loro tre album, partendo da un pop molto minimale che è andato via via arricchendosi, fino a questo disco onirico, psichedelico, e inaspettato come mai ti aspetteresti (aha) da un disco strumentale.

05-anyother (640x640)

6. Any Other – “Silently. Quietly. Going Away.”
Mi capita raramente di comprare un album ad un concerto, però la prima volta che ho visto suonare Adele, quando suonava ancora con Cecilia e le Lovecats facevano ancora le cover, ho comprato subito il loro EP, perché avevo davvero del (molto) buono in loro. Oltre a essere uno dei pochi album italiani in inglese con dei testi più che sensati (litote per dire che i testi sono bellissimi, ma è la barra che in Italia è settata su un livello bassissimo), è anche un disco che rimane onesto e vero nonostante chiarissime influenze.
Sono ovviamente orgogliosissima di aver organizzato le loro prime date europee che trovate qui.

08-gunoutfit (580x580)

7. Gun Outfit – “Dream All Over”
Quest’anno sono usciti 22 album di artisti di Paper and Iron e penso di averli, seppur distrattamente, ascoltati tutti. Poi un giorno ho chiesto a Nikita di farmi ascoltare quel nuovo gruppo che aveva appena preso e me ne sono completamente innamorata. Assomigliano un po’ agli Yo La Tengo (quindi ovvio che sono impazzita) ma anche tantissimo ai Galaxie 500.
Anche loro non vedo l’ora di vederli a febbraio (che già si preannuncia un mese intenso). Anche per loro spero di trovare il tempo di fare la pizza.

06-hopalong (500x500)

8. Hop Along – “Painted Shut”
A novembre sono andata a vedere gli Hop Along al Marie Antoniette. Era la settimana del mio compleanno, nella quale sono andata – praticamente – ad un concerto al giorno (Lower Dens – Kurt Vile – Girl Names – Hop Along (appunto) e Built to Spill, che fatica – fossero queste le fatiche della vita). Ero però convinta che quel giorno sarei crollata a letto e avrei saltato il concerto, tanto più che era l’unico per cui non avevo il biglietto, quindi non mi sono messa d’accordo con amici vari per 1. non paccare dalla stanchezza 2. perché avevo invitato un tipo che mi piaceva un pochino 3. perché comunque era da tanto che non andavo ad un concerto da sola 4. perché comunque tutti quelli a cui l’avevo detto mi avevano risposto confusi “I chi?”
Per qualche oscuro mistero delle distribuzioni e degli uffici stampa, infatti, gli Hop Along a Berlino non godono dello stesso amore di cui godono altrove.
Al concerto c’erano abbastanza persone da non far sembrare il locale vuoto, ma ne avrebbero meritate molte di più. E poi al concerto ho incontrato (per caso) il mio amico Jo, che si è rivelato provvidenziale perché 1. non ci piaceva il gruppo spalla e ne abbiamo approfittato per andare al Burger King a mangiarci delle patatine 2. perché alla fine il concerto era stato talmente bello e io ero talmente povera che mi sono fatta prestare da lui i soldi per comprare il disco.

04-cournetbarnett (640x640)

9. Courtney Barnett – “Sometimes I Sit and Think, and Sometimes I Just Sit”
Perché non sono andata a vedere Courtney Barnett la prima volta che è venuta a Berlino? Perché non sono andata a vederla neanche la seconda volta che è tornata? Forse perché scettica della sua esplosione mediatica non avevo ancora degnato il disco di un degno ascolto? Forse sì. Me ne sono pentita? Sì, molto.

09-dandeacon

10. Dan Deacon – “Gliss Riffer”
A Dan Deacon ho effettivamente fatto la pizza. Poi mi sono anche fatta autografare un poster per Michele e me lo sono dimenticata a Berlino anche questa volta.
Oltre ad un concerto stupendo (uno dei primi che ho visto tornata a Berlino), ha anche fatto un bellissimo disco anti-ansia.

Ah, è stato difficilissimo ma non vedo l’ora di rifarlo.

Categories: italiano, music | Tags: , , , , , , , , , , |

2014 Ohrwürmer Top 5
Scritto da verdeanita il dicembre 28th, 2014 | Leave a comment

“Ohrwurm” è una di quelle parole tedesche bellissime che non esistono in italiano. “Ohr” vuol dire orecchio e “Wurm” è verme. Verme dell’orecchio? In pratica gli Ohrwurm sono quelle canzoni che ti si infilano in testa e che non riesci a smettere di canticchiare o ascoltare. Ecco le cinque canzoni che sono risuonate di più nel mio cervello o nella mia stanza (e fortunatamente anche ai concerti e ai djset) in questo 2014.
Attenzione! Questo post contiene degli spiegoni che potrebbero risultare inutili. Ho deciso di coniare quindi il termine “anitasplaining” per quando vi disco cose che probabilmente già sapete se mi conoscete, tipo che mi piacciono i Notwist o gli Yo La Tengo e chi sono eccetera.

1. Hospitality, “Last Words”
Ero alla Kantine del Berghain prima del concerto di Chad VanGaalen, perché gli avevo appena portato la pizza che avevo amorevolmente preparato per lui. Il concerto si stava approcciando e io girovagavo per il locale che piano piano si stava riempiendo. Ad un certo punto è partita questa canzone bellissima e io sono corsa dal mio capo Andreas a chiedergli cosa fosse e lui ha detto entusiasta: “Vero che è bellissima? È la canzone più bella dell’anno!” e lo è davvero.
Il giorno dopo l’ho ascoltata tutto il giorno e quando il mio amico Torsten mi ha chiesto se avevo qualche richiesta per quel sabato in cui metteva i dischi all’Antje Öklesund io ho detto “Sì, questa!” e così è diventata anche l’ultima canzone che ho ballato a Berlino.

2. The Notwist, “Kong”
La prima volta che ho visto i Notwist ero a Ferrara da sola e ancora non sapevo se sarei tornata a dormire a Verona o a Bologna (e soprattutto come) e non sapevo neanche nulla di loro, a parte il loro ultimo singolo, che a quel tempo era “Good Lies”. Conoscevo una sola canzone ma mi innamorai follemente di loro, durante il concerto. La canzone che mi piacque di più si chiamava “Puzzle” ed era un’esplosione di chitarre e luci e si trovava su “12” (Zwölf!!), uno dei loro primi dischi di quando erano cattivissimi.
Quando il mio capo Andreas mi portò a rivederli (di nuovo grazie, capo Andreas!), a esattamente cinque anni da quel primo concerto, i Notwist suonarono un sacco di canzoni nuove bellissime, tra cui una molto simile (ma anche molto diversa) da quella che mi era tanto piaciuta.
“Kong”, e poi tutto il loro ultimo disco, è per me un perfetto riassunto di tutto quello che hanno sempre fatto, dalle chitarre cattive, alle ballate lente, all’elettronica sofisticata. Ed è stupenda e tutte le volte che la sento potrei mettermi a piangere.
(Ah, è anche la prima canzone che ho richiesto al mio amico Torsten la prima volta che metteva i dischi all’Antje per quella che è diventata la festa danzante più figa di Berlino)

3. Joasihno & JEL, “Hypnotize us”
Come sapete mi piacciono i Notwist (e se non lo sapevate ma avete letto il paragrafo sopra, ora lo sapete). I Notwist hanno influenzato tanti altri gruppi e alcuni loro membri suonano in altri progetti che poi hanno altri progetti eccetera eccetera. Uno dei progetti dei Notwist si chiama 13&God ed è formato da loro e dai membri dei Themselves, che sono un gruppo Anticon (etichetta americana di hip-hop) e che quindi potrebbe non c’entrare un tubo con un gruppo tedesco. E invece!
La cosa che mi piace è che da questa collaborazione ne sono nate altre diecimila e una è questa.
Joasihno è il progetto di un membro degli Aloa Input (Morr Music: grazie Thomas!) e JEL è uno dei fondatori della Anticon.
Un giorno i miei amici Andre e Amande hanno organizzato in quattro e quattrotto un concerto di JEL all’Antje Öklesund e io ho pensato “FIGATA!”.
Alla fine del concerto JEL ha suonato questa canzone e io ho pensato “Ma è Joasihno!” e invece no! Era un collage ipnotizzante di un paio di canzoni bellissime e diversissime ed è stata un’altra canzone che ho ascoltato tantissimo!


Come potete vedere questo 7″ si intona perfettamente con il mio triceratopo. L’ho comprato sul negozio della Morr Music e già che c’ero l’ho svaligiato comprando cose che volevo comprare da una vita. Ci sono ancora sconti! E il Sig. Morr non mi ha pagata per dirvi ciò! (Però nel pacco ho trovato una cosa bellissima che non doveva esserci. #cuori)
Ah, il disco sotto è un vinile dei Jethro Tull, perché io adoro i Jethro Tull.

4. Skiing, “Holly”
La mia amica Amande è indubbiamente una delle persone più cool che conosco. L’ho conosciuta un paio di anni fa e poi è sparita per andare in tour. Ho fatto un tirocinio di 3 mesi nell’ufficio di fianco al suo e lei non si è mai vista perché era sempre in tour. È tornata, le ho chiesto come andava e lei ha detto: “Sto per fondare un’etichetta!”
L’etichetta si chiama Späti Palace. Lo Späti è quel negozio sotto casa che è aperto fino a tardi e dove puoi comprare birra ad ogni ora. L’etichetta è una celebrazione di band locali (ovvero di Berlino), formate da gente che viene dal resto del mondo.
Il primo split conteneva questa bellissima canzone, che ho consumato nei giorni in cui avevo voglia di vedere gli Skiing dal vivo, di nuovo (hanno suonato sia al Down by the River che al Torstraßen Festival, regalandomi in entrambi i casi i concerti più belli della giornata) e ancora non ho capito perché non me lo sono comprata. Comunque appena torno a Berlino chiamo Amande, andiamo a berci una birra e me lo faccio portare.


5. Schnipo Schranke, “Pisse”
Il Down by the River è uno dei giorni più belli dell’anno. Il festival è organizzato da Four Track on Stage ed è difficile dire di che genere di musica si tratti. Ma basandosi sulla tradizione anti-folk da cui nasce si può dire che è un festival per quel genere di musica che non trova facilmente etichette, che è strana, che non troverebbe posto ad un altro festival, che è fatta col cuore.
La band più attesa era questo duo di ragazze tedesche e il fatto di poter capire i loro testi è uno dei motivi per cui vale la pena studiare il tedesco.

Schnipo Schranke – Pisse (OFFIZIELLES MUSIKVIDEO) from Daniela Reis on Vimeo.

 

Categories: blog, italiano, language, music, topic | Tags: , , , , , , , , , , , |

← Older posts