Astronauti, sociologi e gatti: appunti da #rp15
Scritto da verdeanita il maggio 11th, 2015 | 2 comments
Il primo giorno di re-publica ho annunciato che sarei fisicamente sparita nell’internet per tre giorni e questo è il modo più simile al vero per descrivere quello che è successo. Non saprei come definire in altro modo questa specie di conferenza che riesce a spaziare tra i temi più vari mantenendo comunque un filo conduttore: la società digitale.
Era il quarto anno di fila che partecipavo. I biglietti erano, come sempre, particolarmente esosi, il che è cosa perfettamente normale vista la qualità dell’evento, il fatto che non sia per niente commerciale e l’assenza di fastidiosi sponsor, ma io, da brava squattrinata, ho deciso di fare come negli anni passati, ovvero di lavorare una giornata e ricevere in cambio l’ingresso alle altre due. Va benissimo così.
Anyway, ecco i punti principali di questi tre giorni:
IL PRIMO GIORNO
Il primo giorno mi sono quindi dedicata a distribuire cuffie ai palchi più piccoli, stupendomi di quante persone tornavano indietro dicendomi che la cuffia era rotta quando in realtà il volume era solo troppo basso: dal pubblico di un evento del genere mi sarei aspettata una maggiore dimestichezza con la tecnologia.
Nonostante fossi obbligata a rimanere impostazione, e non abbia quindi scelto i talk da seguire, ho sentito un sacco di cose interessantissime. Il talk più bello è stato quello dedicato ai fashion blog e al femminismo: “Empowerment by Fashion: Feministiche Mode im Netz”. Era poco più di una carrellata su diversi blog e hashtag usati per rivendicare che ognuno può vestirsi come vuole, indipendentemente dalla forma del suo corpo, dalla sua fede religiosa (vedi outfit con velo), dal suo genere sessuale e così via. Ispirazione a bizzeffe e tonnellate di pregio.
republica02
L’ESA
Il secondo giorno sono arrivata 15 minuti in ritardo ad un talk di cui ho immediatamente perso il filo. Frustrata da tutto ciò ho buttato un occhio al cellulare e notato che l’agenzia spaziale europea stava twittando proprio da re-publica.
Mi sono quindi catapultata allo Stage 4, dove stavano raccontando della sonda Rosetta. Nello specifico stavano raccontando di come l’atterraggio sulla cometa sia stato presentato attraverso i social media (perché parlare dell’atterraggio in se non era già interessante?!). Anche se sono arrivata alla fine è stato bellissimo.
Poi mi sono detta: “Ehi, forse l’ESA farà anche degli altri talk oggi!” e BAM! ho scoperto che di lì a poco avrebbe parlato un astronauta.
Il talk di Alexander Gerst, tornato da pochi mesi dall’ISS, è stato in assoluto il più bello di tutta re-publica. Semplicissimo, divertente, interessante e commovente. Credo di essere stata più volte sull’orlo delle lacrime: quando ha parlato di fenomeni naturali visti dallo spazio, quando ha mostrato quanto è insignificante quel puntino blu che è la terra vista da Saturno, quando ha sottolineato che ci vogliono anche più astronaute donne e quando ha risposto alle intelligentissime domande dei bambini.

I BAMBINI
Durante il talk di Alexander Gerst la prima fila è stata riservata ai bambini e anche le domande sono in buona parte arrivate da loro. E poco prima avevo assistito ad un talk dove i bambini stessi spiegavano come usano internet e i motori di ricerca (“So suchen Kinder im Internet”). A parte la mega invidia per la loro abilità di usare i verbi separabili, la cosa più bella è vedere l’importanza che gli veniva data e la professionalità con cui gestivano il pubblico e rispondevano alle domande. Vedere tutti questi incoraggiamenti era incoraggiante a sua volta.
Insomma, quanto è figo avere 11 anni e stare sul palco a rispondere a degli adulti che ti chiedono cose sui tuoi interessi?
E poi, quando una bambina ha chiesto ad Alexander Gerst se avesse scoperto qualcosa sui buchi neri, lui ha risposto che i buchi neri sono ancora troppo pericolosi e lontani per essere studiati, ma che forse in futuro sarà possibile e che se vuole potrebbe dedicarcisi proprio lei. DITE ANCHE VOI QUESTE COSE AI VOSTRI BAMBINI.

BIG DATA, PRIVACY E ZYGMUNT BAUMAN
Re-publica è stato il luogo dove ho cominciato a pensare alla marea di informazioni che immetto (e immettiamo) quotidianamente dentro l’internet. Probabilmente qui sono nate molte delle riflessioni che mi hanno portata a chiudere Facebook. E anche quest’anno sono capitata (a caso) ad un talk che ne parlava. E bum, aiuto.
Non è tanto il fatto che si possano raccogliere tante informazioni su di noi a far paura. Fa più paura il fatto che queste informazioni abbiano un valore di cui non ci rendiamo neanche conto e che sui nostri status su Facebook c’è chi guadagna un sacco di soldoni. E fa ancora più paura pensare che il raccogliere e vendere queste informazioni sia regolato da pochissime leggi.
A coronare il tutto è arrivato Bauman, che ho finalmente visto di persona e che mi ha trasformata in una vera #fangirl. Se gli altri talk sul tema sono condotti per lo più da attivisti pirati cattivi, questo ne parlava in una visione più ampia e mi ha fatta riflettere molto sul fatto che sì, per alcuni versi sia raccapricciante, ma che l’internet è anche uno dei miei posti preferiti e che mi ha fatto conoscere tante persone adorabili. E dove posso esprimermi al meglio come individuo.
Il punto è che ancora mi sta bene che alcuni miei dati vengano raccolti, fin tanto che sono sicura che le decisioni che prendo con i miei click sono solo mie e non manovrate da un qualche algoritmo basato sui miei dati. Spoiler: non sono sicura.
Con questi sentimenti nel cuore me ne sono andata al talk successivo.
MUSICA E BIG DATA
Il talk successivo mi ha fatto venire la nausea. Proprio un bel mal di pancia. Sostanzialmente si parlava dei soliti big data e di come questi vengano usati nell’industria musicale. Il fatto che mi sia fisicamente sentita male è segno che a questa cosa ci tengo davvero e ho deciso quindi di prenderlo per un buon segno.
Si parlava di come i dati sull’ascolto e la presenza sui social siano indicatori non solo del successo di un artista (visto che ormai le vendite degli album fisici, ma anche quelle degli mp3, non sono assolutamente indicative degli ascolti o della fama di un gruppo), ma anche un fattore importante (per non dire fondamentale) nella scelta di metterlo sotto contratto, più del famoso “istinto di pancia”, che una volta era fondamentale.
A parlare erano rappresentanti di grandi etichette, quindi gente su un livello completamente diverso dal mio. Purtroppo però certe riflessioni le facciamo quotidianamente in ufficio e l’attenzione ai social network occupa una grandissima parte del nostro lavoro.
Pensare però che il servizio X di streaming possa farmi piacere un gruppo Y basandosi sui miei ascolti precedenti tramite un algoritmo che non tiene minimamente conto di cose per me fondamentali come il contesto culturale in cui un gruppo si muove mi ha fatto sentire terribilmente vuota.
Tutto ciò meriterebbe un post a parte.
republica01
ALTRE COSE
40% di speaker donne. Spazi per i bambini (non solo alle conferenze, ma anche con aree gioco in mezzo ai vari stand). Altissima partecipazione di persone con difficoltà motoria. Persone in completi eleganti seduti di fianco a gente con i capelli arcobaleno. Era bello vedere che stavamo tutti bene.
Rispetto al primo anno, quando mi aggiravo solitaria, quest’anno ho incontrato un sacco di facce conosciute, tra qui gli organizzatori del Torstraßenfestival (che è uno dei miei festival preferiti), svariati compagni di università e altra gente. Bello.

E un’altra cosa carina era uno stand decorato con i lucky cat cinesi che fanno su e giù con la zampina, la cui faccia era però stata sostituita da quella di Grumpy Cat.
L’internet è un posto bellissimo.

Categories: berlin, blog, italiano, politics | Tags: , , , , , |

2014 Ohrwürmer Top 5
Scritto da verdeanita il dicembre 28th, 2014 | Leave a comment

“Ohrwurm” è una di quelle parole tedesche bellissime che non esistono in italiano. “Ohr” vuol dire orecchio e “Wurm” è verme. Verme dell’orecchio? In pratica gli Ohrwurm sono quelle canzoni che ti si infilano in testa e che non riesci a smettere di canticchiare o ascoltare. Ecco le cinque canzoni che sono risuonate di più nel mio cervello o nella mia stanza (e fortunatamente anche ai concerti e ai djset) in questo 2014.
Attenzione! Questo post contiene degli spiegoni che potrebbero risultare inutili. Ho deciso di coniare quindi il termine “anitasplaining” per quando vi disco cose che probabilmente già sapete se mi conoscete, tipo che mi piacciono i Notwist o gli Yo La Tengo e chi sono eccetera.

1. Hospitality, “Last Words”
Ero alla Kantine del Berghain prima del concerto di Chad VanGaalen, perché gli avevo appena portato la pizza che avevo amorevolmente preparato per lui. Il concerto si stava approcciando e io girovagavo per il locale che piano piano si stava riempiendo. Ad un certo punto è partita questa canzone bellissima e io sono corsa dal mio capo Andreas a chiedergli cosa fosse e lui ha detto entusiasta: “Vero che è bellissima? È la canzone più bella dell’anno!” e lo è davvero.
Il giorno dopo l’ho ascoltata tutto il giorno e quando il mio amico Torsten mi ha chiesto se avevo qualche richiesta per quel sabato in cui metteva i dischi all’Antje Öklesund io ho detto “Sì, questa!” e così è diventata anche l’ultima canzone che ho ballato a Berlino.

2. The Notwist, “Kong”
La prima volta che ho visto i Notwist ero a Ferrara da sola e ancora non sapevo se sarei tornata a dormire a Verona o a Bologna (e soprattutto come) e non sapevo neanche nulla di loro, a parte il loro ultimo singolo, che a quel tempo era “Good Lies”. Conoscevo una sola canzone ma mi innamorai follemente di loro, durante il concerto. La canzone che mi piacque di più si chiamava “Puzzle” ed era un’esplosione di chitarre e luci e si trovava su “12” (Zwölf!!), uno dei loro primi dischi di quando erano cattivissimi.
Quando il mio capo Andreas mi portò a rivederli (di nuovo grazie, capo Andreas!), a esattamente cinque anni da quel primo concerto, i Notwist suonarono un sacco di canzoni nuove bellissime, tra cui una molto simile (ma anche molto diversa) da quella che mi era tanto piaciuta.
“Kong”, e poi tutto il loro ultimo disco, è per me un perfetto riassunto di tutto quello che hanno sempre fatto, dalle chitarre cattive, alle ballate lente, all’elettronica sofisticata. Ed è stupenda e tutte le volte che la sento potrei mettermi a piangere.
(Ah, è anche la prima canzone che ho richiesto al mio amico Torsten la prima volta che metteva i dischi all’Antje per quella che è diventata la festa danzante più figa di Berlino)

3. Joasihno & JEL, “Hypnotize us”
Come sapete mi piacciono i Notwist (e se non lo sapevate ma avete letto il paragrafo sopra, ora lo sapete). I Notwist hanno influenzato tanti altri gruppi e alcuni loro membri suonano in altri progetti che poi hanno altri progetti eccetera eccetera. Uno dei progetti dei Notwist si chiama 13&God ed è formato da loro e dai membri dei Themselves, che sono un gruppo Anticon (etichetta americana di hip-hop) e che quindi potrebbe non c’entrare un tubo con un gruppo tedesco. E invece!
La cosa che mi piace è che da questa collaborazione ne sono nate altre diecimila e una è questa.
Joasihno è il progetto di un membro degli Aloa Input (Morr Music: grazie Thomas!) e JEL è uno dei fondatori della Anticon.
Un giorno i miei amici Andre e Amande hanno organizzato in quattro e quattrotto un concerto di JEL all’Antje Öklesund e io ho pensato “FIGATA!”.
Alla fine del concerto JEL ha suonato questa canzone e io ho pensato “Ma è Joasihno!” e invece no! Era un collage ipnotizzante di un paio di canzoni bellissime e diversissime ed è stata un’altra canzone che ho ascoltato tantissimo!


Come potete vedere questo 7″ si intona perfettamente con il mio triceratopo. L’ho comprato sul negozio della Morr Music e già che c’ero l’ho svaligiato comprando cose che volevo comprare da una vita. Ci sono ancora sconti! E il Sig. Morr non mi ha pagata per dirvi ciò! (Però nel pacco ho trovato una cosa bellissima che non doveva esserci. #cuori)
Ah, il disco sotto è un vinile dei Jethro Tull, perché io adoro i Jethro Tull.

4. Skiing, “Holly”
La mia amica Amande è indubbiamente una delle persone più cool che conosco. L’ho conosciuta un paio di anni fa e poi è sparita per andare in tour. Ho fatto un tirocinio di 3 mesi nell’ufficio di fianco al suo e lei non si è mai vista perché era sempre in tour. È tornata, le ho chiesto come andava e lei ha detto: “Sto per fondare un’etichetta!”
L’etichetta si chiama Späti Palace. Lo Späti è quel negozio sotto casa che è aperto fino a tardi e dove puoi comprare birra ad ogni ora. L’etichetta è una celebrazione di band locali (ovvero di Berlino), formate da gente che viene dal resto del mondo.
Il primo split conteneva questa bellissima canzone, che ho consumato nei giorni in cui avevo voglia di vedere gli Skiing dal vivo, di nuovo (hanno suonato sia al Down by the River che al Torstraßen Festival, regalandomi in entrambi i casi i concerti più belli della giornata) e ancora non ho capito perché non me lo sono comprata. Comunque appena torno a Berlino chiamo Amande, andiamo a berci una birra e me lo faccio portare.


5. Schnipo Schranke, “Pisse”
Il Down by the River è uno dei giorni più belli dell’anno. Il festival è organizzato da Four Track on Stage ed è difficile dire di che genere di musica si tratti. Ma basandosi sulla tradizione anti-folk da cui nasce si può dire che è un festival per quel genere di musica che non trova facilmente etichette, che è strana, che non troverebbe posto ad un altro festival, che è fatta col cuore.
La band più attesa era questo duo di ragazze tedesche e il fatto di poter capire i loro testi è uno dei motivi per cui vale la pena studiare il tedesco.

Schnipo Schranke – Pisse (OFFIZIELLES MUSIKVIDEO) from Daniela Reis on Vimeo.

 

Categories: blog, italiano, language, music, topic | Tags: , , , , , , , , , , , |

Verona solo andata
Scritto da verdeanita il settembre 17th, 2014 | 2 comments

Il 16 settembre me ne sono tornata a Verona. Non ho un biglietto di ritorno e tutte le mie cose sono state impacchettate nella mia stanza in modo da riempire tre scatole SAMLA, quattro scompartimenti della mia libreria LACK e il mobile rosso IKEA PS. Bello usare i mobili dell’IKEA come unità di misura. Sono stata brava a incastrare tutto e ho anche buttato via un sacco di cose. Ad occuparla in mia assenza sarà una ragazza spagnola. Avevo uno zaino pesantissimo e mio padre ha detto “Ma saranno almeno 20 chili!” “No, solo 19.3.” ho risposto io.

Giulio mi ha portata a Tegel in macchina, altrimenti non ce l’avrei mai fatta. E’ venuto a prendermi alle nove e mezza e aveva scelto un disco degli Arcade Fire che ci stava benissimo con la temperatura e la luce autunnale di quel martedì mattina.

Avevamo passato insieme anche la sera prima, nel modo meno berlinese possibile: lasagne con funghi e gorgonzola, una bottiglia di Valpolicella Ripasso Classico Superiore e un vecchio film italiano.

Avevo già dedicato il fine settimana a salutare i miei amici. Venerdì c’era stato un matrimonio a cui avevano suonato anche i The Burning Hell. Avevo fissato la mia partenza a settembre proprio per fare in tempo a salutarli, visto che questo tour non passa dall’Italia. Sabato in molti erano venuti a casa mia e sabato sera, nonostante la stanchezza accumulata, ero andata all’Antje Oklesund a ballare.

Verso le tre ero a pezzi e ho deciso di cominciare il giro dei saluti partendo dal Dj il quale mi ha detto: “Rimani per una sola canzone!”. Ho proseguito il giro pronta a ballare perché sapevo perfettamente che canzone mi avrebbe messo su. Quello fu anche l’istante in cui capii che il tizio bellissimo che mi aveva chiesto di uscire la settimana prima era effettivamente venuto a cercarmi e io non avevo cuore di dirgli ciao e addio allo stesso tempo e ballai quindi con gli occhi bassi e socchiusi per tutti i sei meravigliosi minuti di quell’ultima canzone, uscendomene poi senza neanche guardarlo e sentendomi cretina perché era bello e carino e simpatico e tutto ma io me ne stavo per andare e quindi che senso aveva. (C’era anche stato un momento in cui Vincent mi aveva chiesto di chi era la canzone che stavano suonando e io lo avevo schiaffeggiato urlando “Pavement!” o quando lui si era messo a saltellare quando avevano messo Jonathan Richman o altri mille momenti bellissimi)

A volte a Berlino ci sono susseguirsi infiniti di giorni fantastici. Tipo, questa lunga fila di giorni fantastici quando era cominciata? Quando io e Anni avevamo deciso di passare insieme il pomeriggio e faceva caldo ed eravamo fuggite al laghetto? Quando io e Rachel ci siamo viste gli Aloa Input lungo la Sprea? Quando io e Lorina siamo andati a prenderci una torta in quel posto polacco-italiano tra Weserstrasse e il canale? (In assoluto il posto più Gilmore Girls di tutta Berlino) O quando c’era stato il Torstrassenfestival e Mitte per una sera era come doveva essere vent’anni fa? Potrei andare indietro e indietro e indietro e probabilmente il susseguirsi infinito di giorni fantastici comincerebbe il giorno che mi sono trasferita lì.

Io non riesco ad immaginarmi di vivere a Berlino per sempre perché è troppo bello per essere reale.

Quando abitavo a Bologna succedevano poche cose e io facevo cose stupide per far accadere le cose. A Berlino le cose accadono da sole. Io però non sono abituata a tutto questo. Nel posto da dove vengo le cose sono sempre praticamente ferme. Così a volte devo andarmene da Berlino, tornare indietro, andarmene da qualche altra parte. Ed è per questo e per altri motivi di diverse grandezze che il 16 settembre me ne sono tornata a casa senza biglietto di ritorno.

(nelle foto ci sono io in mezzo a Tempelhof, il mio aeroporto vuoto preferito)

Categories: berlin, bewegung, diary, italiano, verona | Tags: , , , , , |

← Older posts

Newer posts →