19. marzo 2014 by verdeanita
Categories: blog | Leave a comment

Su Soft Revolution

Dopo un silenzio troppo lungo, a febbraio sono usciti ben due miei articoli su Soft Revolution.

- Mappare i nostri percorsi quotidiani emulando gli artisti di Plan B parla di un progetto artistico particolarmente anitoso.
- 10 cose che ho imparato dall’inverno scorso parla dello scorso, traumatico, inverno berlinese.

Trovate tutti i miei articoli su Soft Revolution qui.

Buona lettura!

 

01. marzo 2014 by verdeanita
Categories: diary, italiano | Tags: , , , , | Leave a comment

Instagrammi di gennaio

(Sì, mi sono presa uno smartphone e mi piace usarlo. E su Instagram sono qui.)

1. La Berlinische Galerie, dove ero andata pensando di passarci un paio di ore e da dove uscii molto più tardi dicendo al mio accompagnatore che da quel momento io e lui ci saremmo dedicati solo ad attività delimitate nel tempo, perché lui nei musei è troppo lento.

2. Aula vuota prima del mio corso su Hannah Arendt. Questo corso si svolge il giovedì dalle 18 alle 20 e considerato che l’altra mia lezione quel giorno comincia alle 10, il giovedì per tutto il semestre è stato “il giorno della produttività”, passato prevalentemente in biblioteca a mandare mail.

3. Il mio amico Momo si è trasferito a Berlino e il giorno che ha inaugurato il suo appartamento (che poi non è suo ma del Principato del Lichtenstein) ci ha invitati a casa sua e abbiamo passato la sera a bere vino, ascoltare dischi dei Pavement (e di Celentano) e a ballare nel suo immenso soggiorno. #quality

4. La neve, quella vera.

5. Il soffitto dello Schokoladen, quella sera che suonavano Momo e William e io avevo invitato Lorina, e lei aveva invitato Till, che io non vedevo da un anno e mezzo e che all’inizio non avevo riconosciuto, e lui aveva invitato Tobi. Così io e lui siamo rimasti fino alle tre sul divanetto a parlare di quanto ci fossimo amati e di quanto fosse stato bello stare insieme. E poi io ho aspettato da sola che il Dj finisse di suonare e sono tornata a casa con l’N8.

6. La domenica che ho fatto la pizza e mio fratello mi ha chiamata dall’Australia per dirmi cosa stavo sbagliando.

7. Un martedì che sono andata a far stampare 1000 flyers per i concerti di His Clancyness e Be Forest e poi sono andata a fare colazione in un bar che frequentavo nel 2010 e ci sono rimasta a studiare per ore, con De Andrè in sottofondo (chissà perché).

8. Promo pronti a partire.

9.  E infine: ghiaccio sul fiume, il giorno che sono andata a licenziarmi.

E questo è stato gennaio! A febbraio abbiamo già un nuovo lavoro, un concerto fighissimo (His Clancyness al Monarch) e una Bewerbung da scrivere per una cosa ad Amsterdam! Bum!

02. febbraio 2014 by verdeanita
Categories: berlin, blog, diary | Tags: , , , | Leave a comment

Il tradizionale classificone di fine anno

Che arriva a gennaio perché a dicembre non avevo tempo di scriverlo e soprattutto l’anno non era ancora finito.
Comunque, in ordine alfabetico:


Akron / Family – Sub Verses
Quando sono uscite le prime due canzoni di questo album sono rimasta sconvolta dalla loro bellezza. Poi me lo sono ascoltato un sacco di volte, lungo la strada per l’ufficio che era lungo un canale e in mezzo agli alberi ed era un abbinamento davvero azzeccato.
Aloa Input – Anysome
Quando mi traferii a Berlino non avevo idea di che cosa avrei fatto della mia vita. Non sapevo neanche quali cose ci fossero da fare, a Berlino. Mandai però una lettera scritta con il tedesco di una bimba di sette anni alla Morr Music, etichetta adorabile che ha pubblicato tanti dischi che adoro, chiedendo se avevano qualche lavoretto per me. Non ottenni mai risposta, però continuai ad amarla.
Per qualche strano motivo ignorai il concerto di presentazione di questo disco. Lo ascoltai qualche settimana più tardi per qualcosa come quindici volte di seguito perché era bellissimo e perché suonava come le cose che pubblicava la Morr Music anni fa, ma anche come tante cose che mi piacciono adesso.
Arcade Fire – Reflektor
Sull’uscita di questo disco si potrebbe scrivere un saggio di marketing. Il singolo è uscito sotto falso nome in posti misteriosi e a caso. Per andare ai concerti bisognava vestirsi in maschera (io ero e sono totalmente favorevole a questa cosa!). La loro partecipazione al Primavera è stata annunciata su cartelloni enormi (e questa volta invece ero un po’ perplessa). E poi il disco è una figata e tutte le volta che lo ascolto penso “Cavoli, è proprio bello, cavoli, sono veramente dei geni”.


The Black Angels – Indigo Meadow
Per strane coincidenze ho visto i Black Angels dal vivo un bel po’ di volte. Non questa volta, però. Da un lato perché suonavano la stessa sera dei Tame Impala e per prendere una decisione mi sarebbe esploso il cervello, dall’altro perché comunque il concerto era esaurito. Il disco comunque era una figata e insieme a quello degli Akron / Family è stato la colonna sonora delle passeggiate in ufficio per pseudo boschi.
The Burning Hell – People / Old, New, Borrowed, Blue
Un giorno racconterò per bene come ho conosciuto questi cinque adorabili canadesi. È una bella storia che comincia con io che attacco bottone con un tizio sulla metro, ma è davvero troppo bella per essere raccontata in una classifica di fine anno. Fatto sta che questo disco l’ho sentito più dal vivo che dal giradischi e che diventava più bello ogni volta, perché loro spaccano davvero e sono davvero contenta di averli fatti suonare alla Casetta Lou Fai (e poi li ho anche seguiti a Venezia perché quanto figo è andare in tour in Italia e fare un concerto anche a Venezia?).
Oltre al disco vero e proprio è uscito anche un EP che contiene, come dice il titolo, canzoni vecchie, nuove e prestate. E quella prestata è stata la canzone che ho ascoltato di più questa estate.

C+C=Maxigross – Ruvain
La prima volta che ho visto i C+C=Maxigross era alla Casetta Lou Fai ed era il loro secondo concerto e pensai: “Belli, cavoli!”. E dopo un EP molto bello è uscito un disco bellissimo, che è questo e che ho ascoltato tantissimo (sì, anche questo mentre andavo in ufficio in mezzo ai boschi).
E sono anche contenta e orgogliosa di averi portati a suonare fuori da Verona (con il mio piccolo Lou Fai Booking in collaborazione con Modernista). Avrei voluto seguirli in Croazia ma non ci sono riuscita. Sono invece andata con loro ad Amburgo, Berlino (ovvimente) e Graz. Era la prima volta che “andavo in tour”, che era anche una delle cose che avrei voluto fare nel 2013, quindi yeah.


Jacco Gardner – Cabinet of Curiosites
La prima volta che ho visto Jacco Gardner ero ad Amburgo e il concerto si teneva in un vecchio cinema, quindi si stava seduti. Era mezzanotte passata ed io ero stanchissima. Quindi, dopo le prime due o tre canzoni, mi sono addormentata.
Addormentarsi ai concerti è una cosa che capita di rado. A me è capitato solo un’altra volta, al concerto degli Swans. Sì, degli Swans. Quando ci si addormenta ai concerti si usa il suono come un cuscino ed è veramente strano. Il ricordo, o il sogno, di questo concerto era comunque molto bello, quindi ho recuperato e ascoltato questo album nuovamente e quando è passato per Berlino sono tornata a sentirlo e questa volta mi sono piazzata davanti alla sua faccia sbarba da dodicenne, per non correre rischi. A chi mi ha chiesto dove andavo quella sera ho risposto: “Al concerto di Syd Barrett” e la cosa era abbastanza simile alla verità.
Unknown Mortal Orchestra – II
Nel 2004 (dieci anni fa, urca!) passai 4 o 5 giorni a Zoppé, un paesino piccolo piccolo sulle montagne vicino a Belluno (credo). In quei giorni, sostanzialmente, io e i miei compagni di avventure non abbiamo sostanzialmente ascoltato un sacco di musica.
La prima volta che ho ascoltato questo disco ho pensato “Cavoli, sarebbe stato bellissimo avercelo a Zoppé”. Perché, come spiegavo su Soft Revolution, questo disco sembra sospeso nello spazio e nel tempo, proprio come erano quei giorni.
“Swim and Sleep” è una di quelle canzoni che non ti si levano più dalla testa, peccato che ci sia solo una canzone così in tutto l’album.
Yo La Tengo – Fade
Vabbè, sì, che novità: si sapeva che l’avrei amato.

05. gennaio 2014 by verdeanita
Categories: blog, italiano, music | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

I posti di Budapest che mi hai fatto vedere

A Budapest, nell’ottobre del 2012, comprai un quaderno di carta con delle mongolfiere sulla copertina. Mi ricordava la copertina di “In the aeroplane over the sea” e lo comprai anche se sapevo che non l’avrei mai usato, perché io scrivo solo sui quaderni rigidi a 3 euro che si comprano da Karstadt. Lo comprai per regalarlo e tra pochi giorni lo regalerò ad una persona che nel 2012 non conoscevo. Quindi è giunto il momento di postare questo vecchio post du Budapest. Grazie a Giovanni per il momento più 2008 del 2012.

Ti ricordi di quella volta che mi hai portata in giro per tutta Budapest e il giorno dopo ero stanchissima ma non avevo ancora visto il Danubio e allora invece di riposarci abbiamo fatto meranda sul balcone del nostro ostello con dei crostini alla pancetta e un orribile energy drink al limone per ripartire subito?
Eri stato a Belgrado pochi giorni prima e io ti avevo portato nel mio posto preferito, lassù, dove si vede tutta la città. E faceva ancora abbastanza caldo da poter stare fuori, sul tetto.
“Qual’è la prossima tappa?” – ti avevo chiesto. “Timisoara e poi Budapest. Anzi, perché non vieni anche tu? Ti faccio vedere un paio di posti…”
L’idea era anitosa e allettante. Pensavo che però non potevo farlo, che avevo i miei in visita, che i weekend che mi rimanevano a Belgrado si contavano sulle dita di una mano, e poi in fondo neanche ti conoscevo.
So che ti avevo conosciuto nel 2008, che ti vedevo a Zuni. Tu ti ricordi un momento preciso, io no.
Ferrara era un periodo, una cosa confusa. Ero perennemente sbronza, avevo perennemente perso l’ultimo treno, ero perennemente persa. Andavo a Ferrara per ritrovarmi.

Pochi giorni dopo ero su un treno, sapendo che il viaggio sarebbe durato otto ore.
Novi Sad, poi Subotica (e io avrei tanto voluto scendere a vederla), il controllo dei passaporti sul treno, e poi, infine, Budapest.
La stazione è stupenda e io penso che è ottobre e sono in un posto inaspettato e tutto è un po’ a caso ed era da tempo che non facevo cose così a caso.
Nell’ostello il tizio alla reception ha una maglietta dei Dinosaur Jr. e la tizia che si prepara da mangiare in cucina ha i capelli blu.
Ti racconto che a Belgrado, per la prima volta, ho cominciato a sentire la mancanza delle persone. E che la cosa mi piace.

A Budapest comprai anche un piccolo regalino a Michele e Merih perché nel negozio mandavano gli Yo La Tengo, Tom Courtenay. Ed era proprio grazie agli Yo La Tengo che io e Michele avevamo conosciuto Merih. E in quel momento mi mancavano. E così decisi di comprare tre spillette, una per ciascuno.
La storia era talmente carina che dovetti per forza raccontarla al commesso carino che me le stava vendendo. E lui si illuminò ai miei racconti pallosi e così 2006 e mi chiese subito il contatto su LastFm, che è una cosa molto 2006 per esser stata fatta nel 2012, e poi parlammo dei Pavement e dei Modest Mouse.
Uscita dal negozio avevo le gambe di burro perché lui era veramente carino.
Avevo un pizzicore allo stomaco come ai concerti migliori della mia vita, come quando mi innamoravo dei momenti, delle sensazioni.

Ti ricordi quella volta che ti ho detto che avevo sognato che andavamo finalmente a sentire gli Yo La Tengo insieme e che ti stringevo la mano e poi cominciavano con Tom Courtenay e io mi mettevo a piangere, e poi siamo effettivamente andati a sentire gli Yo La Tengo insieme e hanno cominciato proprio con Tom Courtenay?


(foto fatte a Budapest nel’ottobre del 2012, testo scopiazzato dal diario che tenevo a Belgrado)

20. dicembre 2013 by verdeanita
Categories: bewegung, italiano, photo, travel | Tags: , , , , , | Leave a comment

Un appartamento vuoto, pieno di cose.

“C’è un appartamento pieno di cose. E un momento dopo l’appartamento è pieno delle stesse cose, ma improvvisamente è diverso.”
Questo mese c’è un mio raccontino su Plenum. Parla di cosa è successo all’appartamento di fianco al mio in un momento imprecisato dell’estate scorsa.
Qui trovate un po’ di link a cose che ho scritto altrove.

16. dicembre 2013 by verdeanita
Categories: berlin, diary, italiano | Tags: , , , , | Leave a comment

Le canzoni di Novembre


Avevo detto che avrei provato a comprare almeno un disco al mese, e ho fallito. Mi ero detta che avrei sicuramente trovato il tempo di scrivere parole copiose a proposito del viaggione che ho fatto ad ottobre. Continuo a ripetermi che finirò quelle duecentocinquanta idee per articoli su Soft Revolution e che scriverò tutto quello che voglio scrivere. Invece, gli unici momenti in cui mi viene voglia di scrivere sono quando sono ai concerti, e tiro fuori il taccuino e mi siedo per terra (al concerto di Jacco Gardner lo stava facendo anche il tizio di fianco a me, ed era strano).

Dopo l’estate è arrivato l’autunno e in autunno sono successe tante cose. E io ho anche ascoltato tante canzoni e almeno quelle voglio postarle qui. (Non c’è tanta roba nuova, per quella dovrete aspettare la classifica di fine anno, sempre che io riesca a scrivere almeno quella)

- Clean the air, Jacco Gardner (La prima volta che ho visto Jacco Gardner ero in un cinema di Amburgo e mi sono addormentata. La seconda mi sono pianatata a venti centimetri dalla sua faccia e mi sono goduta il concerto come si deve)
- Walking throught that door – Future Island
- Silent Song, Daniel Rossen
- Basement , Real Estate (Credo di non aver mai sentito una cazone che suona così tanto come gli Yo La Tengo scritta da qualcun altro)
- Back to the middle, Deerhunter
- Cruise Ship, Gardens & Villa
- Harps, The Sea and Cake
- Swept Inside, Future Island (Ma come, ancora? Eh, è che questo disco mi è piaciuto tantissimo)
- Thankful, Caveman
- Ffunny Ffriends, Unknow Mortal Orchestra
- Pair of Wings, Frankie Rose (In una manciata di metri quadri a Borča, nella periferia di Belgrado, ho passato alcune delle mie ore migliori degli ultimi anni e ho fatto un sacco di scoperte musicali gradevoli)
- Crazy, Neu! (Perché la Cruccolandia si fa sentire)
- Moonstuck, The Magaphonic Thrift (Visti per caso in un vecchio cinema degli anni 30 nella periferia di Berlino, pensavo fossero autoctoni, invece erano norvegesi e non li rivedrò mai più)
- Going Home, Aloa Input (Quei dischi che scopri e immediatamente consumi. Garantisce Morr Music)
- San Francisco, Foxygen (Che è in fondo perché è identica alla prima canzone)
- Casimir Pulaski Day, Sufjan Stevens (Che in realtà doveva andare all’inizio, ma poi aveva una coda eterna e allora è finita in fondo)

Lunedì però faccio un concerto. A Berlino. Con un gruppo di Belgrado.

(Nella foto: un sacco di foglie al parco Tašmajdan, a Belgrado, questo ottobre)

05. dicembre 2013 by verdeanita
Categories: belgrado, berlin, italiano, le canzoni di, music, un disco al mese | Tags: , , , | Leave a comment

Arcade Fire, Primavera Festival e correlate perplessità

Ho deciso di sollevare questo blog dall’oblio in cui sta sprofondando per condividere la mia perplessità.

È da stamattina che sono perplessa.

Stamattina hanno annunciato un nuovo nome al Primavera Festival di Barcellona e sono gli Arcade Fire.
Io ho un biglietto per l’Optimus di Porto e ci sono buone probabilità che la line up sia la stessa. E io non ho mai visto gli Arcade Fire dal vivo e il loro nuovo album mi piace tipo tantissimo, quindi dovrei essere qualcosa come mega iper contenta.
Invece sono perplessa.

Pensavo, quando comprai il suddetto biglietto, che da qui a giugno sarebbe stato un susseguirsi di gioia e attacchi di cuore ad ogni annuncio. Invece boh (ok, devono ancora confermarli per l’Optimus, quindi forse questa perplessità è solo l’anticamera della gioia).

No ma il fatto è che per annunciare gli Arcade Fire hanno messo un poster gigantesco in una piazza di Barcellona. Poi ovviamente qualcuno ci ha fatto una foto, la foto è finita sull’internet e così l’hanno saputo tutti. E quindi la prima cosa che ho pensato è che potevano dirlo direttamente sull’internet e fine. Ovvio, non sarebbe stato così eclatante. E costoso, aggiungo.

Da quando vivo a Berlino mi è spesso capitato di vedere poster che pubblicizzano gli album in uscita, oltre che i concerti in arrivo. Quindi tutto sommato è una cosa normale, usare i poster per dire certe cose.

Però penso che quel poster gigantesco sia costato un sacco di soldi, ma proprio tanti. E soprattutto che il pubblico raggiunto sia poi lo stesso che ha letto la cosa su Twitter e Facebook. E forse un paio di spagnoli che ignorano cosa sia il Primavera e che stamattina passavano di lì.

E quindi da un lato penso che sia un po’ una sbrodolata fare le cose così. Perché mi piace pensare che la musica che ascolto sia ancora collegata a cose come sale prove nei garage, a zine o a piccoli blog che pubblicano recensioni, a parole come “indie” o “DIY” e mi pare fuori luogo vedere il nome degli “Arcade Fire” dove di solito leggo “Coca Cola” o “Nespresso” (confesso che non ho avuto tempo di cercare sull’internet notizie su altri eventuali mega poster di gruppi così, magari è già successo e io dormivo).

Potrei fare i conti in tasca al Primavera e probabilmente non terrei conto di un miliardo di fattori che invece sono importantissimi, però la prima cosa che ho pensato è che con i soldi di quel poster ci pagavano il cachet di una decina di gruppi. E poi, di nuovo, ho pensato che non ne sapevo nulla e chissà quanto hanno ponderato questa scelta di marketing.

Poi però per tutto il giorno ho pensato che i gruppi medio piccoli sui cachet dei festival ci costruiscono i tour. E che quindi sostanzialmente si tratta di dieci tour in meno di dieci gruppi magari fighissimi che non conosceremo mai, contro un poster gigantesco per un gruppo che già tutti conosciamo e che spacca, certo, ma che non credo abbia bisogno di ulteriori spinte.

Ed è per questo che è da stamattina che sono perplessa.

(la foto l’ho presa da Frigopop)

04. novembre 2013 by verdeanita
Categories: italiano, music | Tags: , , , | 2 comments

Tell me where you’ve been my life #2

Ovvero che l’ultimo mio post risale a maggio e adesso siamo a fine agosto. L’ultima volta che ho fatto una pausa così lunga, vado a memoria, è stato nell’estate di tre anni fa, quando ero appena arrivata a Berlino ed ero follemente innamorata (in tutti i sensi).

In tutto questo tempo cosa è successo?
- È arrivata l’estate, è stato bellissimo.


- Ho fatto il tirocinio più figo del mondo. Ho visto in concerto Chris Cohen, Scout Niblett, Olof Arnalds, Dope Body, Masha Qrella, Waxahatchee, Advance Base, Suuns, Moon Duo, Generationals, Bohren und der Club of Gohren e Julia Holter (e i The Babies che erano bookati da quelli dell’ufficio di fianco e  i Notwist, che non erano del “mio” booking ma il mio capo aveva due accrediti e così). E questo è successo d’estate, che come si sa è periodo di magra per i concerti. Ho fatto i tour book. Ho fatto pause pranzo in cui si parlava del furgone di Dan Deacon. Dietro la mia scrivania c’era un armadio pieno di cd fighissimi. Ogni tanto arrivava la gente a fare le consegne e a volte erano poster, a volte erano backline intere.
- Ho visto un amico farsi un tatuaggio e pensavo che sarei scappata dopo dieci secondi e invece è stato il pomeriggio più rilassante della mia vita.
- Sono andata in Italia con Karin e non siamo state ferme più di un giorno nella stessa città (Verona, Venezia, Ferrara, Lago di Garda). L’ho portata in tutti i posti dove ho potuto portarla e le ho fatto vedere cose che io avevo quasi dimenticato. Abbiamo seguito i The Burning Hell a Venezia e dopo il concerto mio fratello ci ha fatto fare un tour distruttivo di TUTTA la città nel giro di un paio d’ore. Grom (la gelateria) era ancora aperto e io ho preso due palline e poi continuavo ad offrirlo a tutti perché certe cose deliziose vanno condivise.
- Abbiamo fatto la Casetta di Giugno con i The Burning Hell e i C+C=Maxigross ed è venuta un sacco di gente a cui voglio un bene immenso e che non vedo mai (Merih!) e c’erano tipo 400 persone ed è venuta una bomba e io ho cantato “The Barcade Song” e abbiamo fatto il limbo con il basso e bum!
- Ho organizzato il mio primo concerto a Berlino, a Neukölln, con un tizio texano e la mia amica Anni. E’ venuta moltissima gente e io ero contenta.


- Sono andata al Fusion, il festival per cui provavo terrore, ed è stata un’esperienza estrema, interessante, istruttiva, divertente, stancante, piacevole e molti altri aggettivi. Sono stata sveglia tutta la notte, ho mangiato cibo meraviglioso, ho visto film splatter con gente che maltrattava verdure, ho preso tanta pioggia, sono stata con tantissima gente e poi da sola, e poi con tantissima gente ancora. E io e Darren ci siamo mangiati un Langos buonissimo alle tre del mattino ed è stato uno dei momenti più graziosi di tutto il festival. Ho riassunto tutto in questo disegno psichedelico (quelle sotto siamo io e Deenah, andate sul suo blog a leggere le cose interessantissime sull’Anti-Folk che ha scritto):

- C’è stato il Down By The River ed è stata una giornata stupenda. Durante il mio turno di due ore non ho fatto altro che attaccare bande blu sui polsi della gente ad un ritmo talmente veloce che alla fine, nonostante fosse un lavoro stupidissimo, ero stanca morta. Ho visto i The Burning Hell, i Fenster, Toby Goodshank e un sacco di altre band. Era pieno di facce amabili e le prime ore sono state un abbraccio e un saluto continuo. E poi ci sono stati anche i saluti e ho chiesto a Darren se aveva mangiato il tiramisù che avevo preparato e ha detto di no e allora gliene ho portato una fetta, di corsa, perché doveva fuggire a Lipsia ad un altro concerto. Ed è stato un arrivederci molto carino. E poi siamo andati all’Anje Oklesund a vedere un sacco di altri gruppi e a ballare fino a tardi ed era tutto bellissimo ed era tutto bellissimo ed era tutto bellissimo.
- C’è stata la settimana in cui ci siamo visti tutti i giorni, siamo andati al parco, al lago, a mangiare thai al “Thai Park”, a saltare in un gigantesco castello gonfiabile, a fare il Listening Get-Togheter a casa di Heiko (con tanto di concerto suo, di Martha Rose e dei Frozy), a Templehof a suonare le chitarre e i glockenspiel e non come quella volta che siamo andati a Gorli con l’ukulele e abbiamo suonato Jonathan Richman e abbiamo fatto finta che fosse estate. Questa volta era estate sul serio.


- È venuta Margherita a trovarmi ed è stata mia coinquilina per 10 giorni. In questi 10 giorni ci sono venute idee geniali come tingermi i capelli di viola per combattere le pene d’amore, organizzare cose bellissime (e che ancora teniamo segrete) e andare nei bar di Weserstraße ad attaccare adesivi di Soft Revolution.
- La mia vicina Maha se n’è andata all’improvviso e mi ha lasciato tre scacchi pieni di stoffe bellissime che non riuscirò mai a trasformare in altre cose, ma almeno ho cominciato e ho cucito una gonna.
- Sono tornata in Italia per salutare mio fratello che partiva per l’Australia e non pensavo che si sarebbe stupito. Invece lo ha fatto. E poi già che c’ero sono andata a trovare Alex e non pensavo che si sarebbe stupito e infatti ha detto solo: “Oh, ma sono in mutande!” (Abbiamo fatto anche la Casetta di luglio ed è stata bella ma pioveva e quindi non è stata proprio una bomba ma sono cose che succedono, quindi va bene).
- Sono andata in Croazia con mio padre, in barca. Durante la prima ora c’erano onde enormi e indomabili. No, erano onde normali ma io non andavo in barca da una vita e stavo da culo. Ho visto materializzarsi tutti i miei incubi d’infanzia e mi sono chiesta chi cappero me l’avesse fatto fare. Ma il mio papà mi ha detto che girato quel faro laggiù sarebbe finito tutto, ed effettivamente passato il farò laggiù le onde sono finite ed è andato tutto bene. Siamo arrivati fino a Pula, passando per Cittanova e Rovigno. L’ultima sera ci siamo presi una bella sbronza. Un giorno andrò in Istria in viaggio studio per perfezionare le due lingue che so parlare poco e che vorrei migliorare, ovvero il serbo croato e il dialetto veneto.
- Sono andata al cinema a vedere Pacific Rim, con il Campa e Alex. Come una brava bimba minkia mi ero portata una bottiglia piena di gin perché non pensavo fosse un film da vedere da sobri. Ma la verità è che sì, si può vedere anche da sobri. Ed è stato bellissimo.
- Sono tornata in Italia per la Casetta di Agosto che è stata una bomba. All’ultimo momento si sono aggiunti Marcello e il mio Amico Tommaso, da Roma e mi hanno portato un sacco di allegria e la nuova convinzione che i concerti dell’ultimo minuto esistono. Sono riuscita a vedere il nuovo progetto di Maolo e anche un pezzo del set dei Dumbo Gets Mad. C’erano tipo 500 persone secondo le stime del mio cuore.

Sono tornata a Berlino e qui è quasi autunno e cerchiamo di accettarlo.

26. agosto 2013 by verdeanita
Categories: bewegung, diary, italiano | Tags: , , , , | Leave a comment

Di cose così


Stamattina mi sono svegliata presto per andare a correre ma poi pioveva e sono rimasta a letto. E poi però ho mandato un paio di mail per dire che quest’anno non mi candiderò alle commissioni per Interzona. Che non è una cosa inaspettata, visto che la vita a Berlino mi succhia sempre più. Però visto che sono tutte cose collegate anche a quel posto amabile ho voluto dire due paroline a chi di dovere.
Su Soft Revolution è poi uscito un post sulle donzelle che mettono i dischi, quindi ve lo segnalo.
A Interzona ora stanno suonando i Liars e io però ho passato la sera a mandare mail tra Germania e Slovenia, a chiamare a Brema e a Monaco e ad ascoltare nuovi provini di gruppi ancora misteriosi.

Qui sotto il nastrone uscito insieme al post, con tre pezzi scelti da me:
Fake P – Last
Arcade Fire – Rebellion (Lies)
The Breeders – It’s the Love

C'è molta letteratura sul concetto di "ballabilità" from softrevzine on 8tracks Radio.

28. maggio 2013 by verdeanita
Categories: diary, italiano, verona | Tags: , | Leave a comment

← Older posts